INTERVISTA A Francesco Bettoni

  • 23/12/2013
INTERVISTA A Francesco Bettoni

Presidente di Unioncamere Lombardia


Che cos’è per Lei l’energia elettrica?

E’ la più grande scoperta di tutti i tempi. E’ cambiato radicalmente il mondo.

Ha un ricordo personale legato all’energia?

Ai tempi della mia fanciullezza vivevo in una cascina lontana dal paese che non aveva la luce. Le lampade ad olio illuminavano la nostra casa. Successivamente mio padre acquisì un’azienda agricola dotata di corrente elettrica. La vita mi apparse totalmente diversa. Finalmente ci sentivamo nel mondo moderno.

Si considera un risparmiatore energetico?

Sì. Ho imparato da piccolo ad acquisire questa mentalità.

Cosa fa concretamente per risparmiare energia?

Tutto ciò che una persona può fare per ridurre il consumo energetico. Dalla “fobia” dello spegnimento delle luci nell’abitazione, all’utilizzo di mezzi e strumenti alternativi a quelli energetici.

Cosa illuminerebbe meglio nella sua città o piu’ in generale in Italia?

Le strade e i luoghi di interesse storico, architettonico e paesaggistico.

Come renderebbe piu’ simpatici i tralicci dell’ alta tensione?

Le linee elettriche così come sono oggi non sono più accettabili. Per tanti anni le abbiamo condivise perché erano l’unica soluzione per estendere il beneficio dell’energia a tutti. Oggi occorre trovare e attuare soluzioni alternative. Il risparmio energetico e l’energia ecosostenibile sono obiettivi fondamentali per dare competitività al sistema Italia. Il rifacimento totale o parziale delle linee elettriche potrebbe rappresentare un progetto per il Paese per rilanciare la ripresa economica.

Dia un consiglio a Terna.

Se posso dare non un consiglio, ma un suggerimento, questo andrebbe nella direzione di creare una nuova cultura più orientata all’attenzione per l’ambiente. GIULIANO PAPALINI