IL NOSTRO PROGETTO CON STANFORD UNIVERSITY PER LA TRANSIZIONE ENERGETICA

Individuare soluzioni volte a favorire ed accelerare la decarbonizzazione del settore elettrico
  • 12/12/2017
Il nostro progetto con Stanford University per la transizione energetica

Verso un “affordable, low carbon energy system”

La decarbonizzazione del settore elettrico, asse portante della transizione energetica, è al centro dell’attività di ricerca e innovazione di Terna, in un crescente dialogo con la galassia universitaria. E proprio in questo contesto si inserisce la partecipazione dell’azienda guidata da Luigi Ferraris al programma di ricerca avviato ad ottobre 2016 dal Precourt Institute of Energy dell'Università di Stanford, uno dei 30 centri di ricerca in ambito ingegneristico e punto di riferimento per affrontare le sfide energetiche mondiali.

Il programma, denominato Bits&Watts per richiamare già nel nome la forte correlazione tra reti elettriche e digitalizzazione, mira ad individuare le soluzioni volte a favorire ed accelerare la transizione in atto nel settore elettrico verso un “affordable, low carbon energy system”.

Lo scopo dell’accordo tra Terna e una delle prime università al mondo con un budget annuo per la ricerca di 1,6 Mld$ e 76 dipartimenti accademici e che investe molto sulla sostenibilità e l’efficienza energetica, è quello di unire le competenze di università e industria per sviluppare progetti e soluzioni innovative nell’ambito del nuovo paradigma di evoluzione della rete elettrica del ventunesimo secolo.

Il valore strategico di questa iniziativa consiste nell’utilizzo di un approccio integrato alla ricerca declinato su 3 aree tematiche che vanno dalle gestione coordinata delle reti elettriche di trasmissione e distribuzione, all’integrazione attiva dei consumatori nel sistema elettrico fino all’analisi dei dati per lo sviluppo di nuovi tool di gestione automatica dell’energia. Tra i vantaggi del progetto rientrano anche mirati programmi di istruzione e formazione di alto livello che prevedono la partecipazione alle attività in team multidisciplinari e la possibilità per alcune risorse di Terna di essere Visiting Scholar presso l’Università di Stanford e partecipare alla realizzazione di specifici programmi di ricerca. L’iniziativa prevede, inoltre, workshop e networking per facilitare il dialogo e il confronto tra tutti gli stakeholder su temi di ricerca condivisi.

Terna, in linea con il Piano di Innovazione, aderisce al progetto in qualità di Initiative Elite Member, posizione che consente di partecipare all’Advisory Council e contribuire quindi alla definizione delle linee guida strategiche del Programma.